mercoledì 26 aprile 2017

Recensione in Anteprima: "La rosa del Califfo" di Renèe Ahdieh

Buongiorno carissimi miei heartreaders,
Risultati immagini per gif good morningbuon mercoledì dal sapore di lunedì! Come avete trascorso questo ponte del 25 Aprile? Io ho fatto delle passeggiatine con il futuro papà alla ricerca di culla, fasciatoio e armadietto. In realtà non abbiamo ancora preso alcuna decisione in merito, l'unica cosa che per ora abbiamo ordinato è il trio (carrozzina, ovetto e passeggino). Una cosa fatta finalmente e non sapete che soddisfazione spuntare una bella cosa dalla lista! Ho l'ansia di non arrivare a fare tutto in tempo se non si fosse capito ma è il mio carattere. Io tengo il piede sull'acceleratore e il futuro papà sul freno, che ridere che siamo davvero!

Bando alle paturnie da futura mamma però, il post di oggi è importantissimo perchè ciò che ho in programma è una bella recensione in anteprima. Si, grazie alla Newton Compton che non finirò appunto mai di ringraziare abbastanza, ho letto in anteprima "La rosa del Califfo" di Renèe Ahdieh (ve ne ho già accennato QUI nella rubrica "Disney in Bookland), secondo e conclusivo libro della duologia iniziata con "La moglie del Califfo" (QUI la mia recensione) ispirata a "Le mille e una notte".

Senza perderci in altre chiacchiere penso che sia ora di andare alla recensione, che ne dite? 



La rosa del Califfo
Renèe Ahdieh

Editore: Newton Compton
Prezzo: Rigido 10,00€ Ebook 2,99
Pagine:  432
Serie:  #La moglie del Califfo

Trama:  Shahrzad è stata la moglie del califfo del Khorasan. Era giunta nella sua dimora con lo scopo di vendicare la morte di altre fanciulle andate in sposa a lui. Poi il suo piano è saltato, Khalid non è infatti il mostro che tutti credono. È un uomo tormentato dai sensi di colpa, vittima di una potente maledizione. Ora che è tornata dalla sua famiglia, Shahrzad dovrebbe essere felice, ma quando scopre che Tariq, suo amore d’infanzia, è alla guida di un esercito e sta per muovere guerra al califfo, la ragazza capisce che deve intervenire se vuol salvare ciò che ama. Per tentare di evitare una sciagura, spezzare quella maledizione, ricongiungersi a un uomo di cui ora scopre di essersi innamorata, Shahrzad farà appello ai suoi poteri magici, a lungo rimasti sopiti dentro di lei… .. 


💖 Recensione 💖


"La moglie del Califfo" è stata una delle letture più coinvolgenti e magiche del 2016. Dopo un' iniziale disavventura con la cover che non mi aveva attratta, spinta dalle recensioni positive e dal sempre affascinante mondo de "Le mille e una notte", non ho resistito e mi sono buttata in questa lettura così magnetica che mi ha letteralmente conquistata. In poche parole, quando ho girato l'ultima pagina del primo libro, ho iniziato a fangirlare come se non ci fosse un domani in attesa del sequel.

Finalmente eccoci qui, l'attesa è giunta al termine e da domani 27 Aprile 2017 grazie alla Newton Compton sarà disponibile "La rosa del Califfo", sequel che conclude la magica duologia su Shazi e Khalid.

Mi sono immersa nella lettura giovedì scorso e l'ho completata ieri senza riuscire ad imbrigliare il cuore che sul finale, inevitabilmente, ha corso a mille.

La storia riprende esattamente da dove si era interrotta e, chi ha letto già il primo libro, sa che eravamo tutti rimasti con il fiato sospeso quindi, si, sin dalle prime pagine, quel respiro che ho trattenuto per ben un anno ha finalmente avuto tregua. Una tregua scarna però vi avverto, questo secondo ed ultimo capitolo della serie è molto più adrenalinico del primo libro. Ritroviamo Shazi e Khalid divisi dopo la tempesta, ognuno impegnato a combattere contro demoni visibili ed invisibili.

Ancora una volta non soltanto i due protagonisti si dimostrano degni di questo nome ma soprattutto di essere nati dall'ispirazione ad una delle storie più leggendarie di tutti i tempi. Se avevamo già intuito quanto Shazi sia coraggiosa e forte, in questo sequel la giovane Califfa manterrà ogni promessa, una giovane regina che non ha paura della magia, coraggiosa, audace e leale. 

«Nel deserto, mi svegliavo ogni mattina e andavo avanti con la mia vita, ma quello non era vivere, era esistere. E io voglio vivere. Tu sei dove vivo».

Khalid (sospiro sognante) si dimostra finalmente agli occhi di tutti quel re forte e coraggioso, leale e sagace che Shazi è riuscita a scorgere nel suo sguardo. Khalid è davvero una delle mie ship più grandi dello scorso anno e si candida ad esserlo anche per quest'anno. Il re fanciullo è temerario, forte, coraggioso, intelligente e magnificamente magnetico. In una parola: indimenticabile. Lasciate stare i buonisti bamboccioni che stufano al secondo minuto, Khalid è il re che fa tremare le ginocchia, l'uomo che seguiremmo in capo al mondo anche se così facendo dovessimo rinunciare a gioielli e sete preziose.
Il suo superbo, forte re. Il suo bellissimo, tristissimo mostro. Il ragazzo che amava più di quanto fosse in grado di spiegare… 
Come ho detto, "La rosa del Califfo" è un capitolo conclusivo davvero adrenalinico, pieno di avventura ed anche battaglie ma in cui non manca la dolcezza dell'amore tra Shazi e Khalid che restano, per me, una delle coppie dotate della più forte alchimia di sempre. I momenti in cui i due protagonisti sono insieme fanno tremare le ginocchia ma, anche quando Shazi e Khalid non sono insieme, l'amore che li lega è chiaro e tangibile ed il loro legame è talmente profondo da permeare ogni pagina.

Era facile essere buoni e gentili in tempi felici: ma sono i momenti in cui un uomo viene messo alla prova che lo definiscono come tale. E l’amore? L’amore è qualcosa che contribuisce molto a cambiare una persona, porta gioia così come dolore, e l’alternarsi tra i due forma il carattere di una persona. L’amore dà vita a ciò che non ce l’ha, è il più grandioso dei poteri; ma come tutte le cose, ha un lato oscuro.
Lo stile della Ahdieh è scorrevole come sempre, la sua storia irretisce il lettore e lo ammalia fino all'ultima pagina.

Come vedete, ho dato il punteggio pieno a "La rosa del Califfo", sono stata però indecisa fino alla fine ma, valutando nell'insieme questa duologia, non posso che promuoverla a pieni voti. Devo dire che, non trattandosi di una serie lunga, mi è venuto molto più facile valutarla nella sua interezza. Cosa mi ha spinto a dubitare del punteggio pieno? Il fatto che nel primo volume le ambientazioni le abbia trovate più magiche e suggestive. Ammetto che questo possa essere un mio gusto personale però. Se mi conoscete sapete che resto affascinata dalle descrizioni orientali, i palazzi immensi, gli abiti da principessa (regina in questo caso addirittura), gioielli preziosi, diademi e tutto ciò che ammalia l'immaginazione di una romantica come me. Leggendo "La moglie del Califfo" si vive in stanze dorate e si cammina su marmi infiniti, ci si inebria letteralmente di magia. Le atmosfere del secondo libro sono più avventurose, la maggior parte della storia è ambientata al di fuori delle mura del palazzo, in un regno devastato dalla tempesta, un regno che si crede in balìa di un mostro, un regno alla deriva. Nonostante ciò, la magia non manca e, sebbene le ambientazioni del primo libro mi siano mancate, sono certa che "La rosa del Califfo" sia il pezzo mancante di una storia in sè e per sè perfetta, infatti proprio in questo secondo capitolo tutto combacia alla perfezione ed il destino si compie.

Sii l’inizio e la fine, Shahrzad al-Khayzuran». Una luce prese vita fra loro. «Sii più forte di qualsiasi cosa intorno a te». Il viso del Rajput s’illuminò alla luce della fiamma. «Fa’ che tutti i nostri numerosi sacrifici non siano vani».
Vita, morte, presente, passato e futuro, tutto si allinea ed il destino permeato di magia regala immortalità ad una storia epica di coraggio ed amore.

Non ci vuole coraggio per uccidere, ci vuole coraggio per vivere.
Alla fine sono arrivata alla conclusione che non cambierei una virgola della straordinaria opera della Ahdieh che rimarrà nel mio cuore per sempre. La verità è che di questa storia ne avrei voluto sempre di più!


Voi che ne pensate heartreaders? Aspettavate questo sequel con la mia impazienza? Amate anche voi questa magica duologia? La Ahdieh è riuscita ad ammaliare anche voi? Fatemi sapere, io sono qui per fangirlare come sempre.


L'abbraccio più grande del mondo,
Ely

22 commenti:

  1. Finito oggi. Solo tanto amore 💙💙

    RispondiElimina
  2. Ciao Ely! Ammetto che ho molta curiosità di leggere questa duologia che non sapevo neanche fosse un duo, anche perchè ancora devo leggere il primo. Ho letto entrambe le tue recensioni e confermo che sono libri molto intriganti. Spero di iniziare al più presto con il primo. <3
    Un abbraccio! :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono felicissima di sapere che leggerai presto il primo, questi libri mi hanno davvero fatta sognare ed il primo in special modo viste le ambientazioni <3 un abbraccione

      Elimina
  3. Giudizio pieno Ely?
    Io devo ancora trovare il momento giusto per leggere questo libro e penso che prima o poi verrà. Mi incuriosisce davvero tanto e le tue recensioni me lo confermano ancora di più

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si cara Susy, se guardo tutta la storia nel complesso non posso che dare il giudizio pieno *___* Spero che leggerai presto entrambi questi affascinanti libri <3

      Elimina
  4. Ciao Ely :) Anche io aspettavo con impazienza questo sequel perché La moglie del califfo ha fatto sognare anche me (stranamente, perché non è il mio genere di storia). E dalle tue parole capisco che continuerò a sognare ancora, non vedo l'ora! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La moglie del Califfo è davvero magico, incanta davvero e credo proprio ti piacerà anche questo, lo spero, fammi sapere ^^

      Elimina
  5. io mi sono autoregalata il primo (per evitare la ristampa orrenda) e ora andrò a comprarmi anche questo imperdibile sequel!♥.♥

    RispondiElimina
  6. Io non ho letto il primo libro proprio perché la cover non mi aveva attirata ma siccome ne state parlando tutti bene dovrei recuperare...

    Ma sai che sono troppo emozionata per te?? Quando nascerà la piccolina??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh lo so la cover stava giocando anche me ma ne vale la pena, Khalid mi ha davvero fatto tremare le ginocchia e Shazi è una bella protagonista secondo me <3 Fammi sapere Ale!

      ps Alessia dovrebbe nascere a luglio, si si la chiamerò proprio come te ;)

      Elimina
  7. Ciao Ely <3 Ho amato La rosa del califfo, una conclusione bellissima per una trilogia che ha saputo coinvolgermi dall'inizio alla fine *-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contentissima che questo libro abbia incantato anche te Jess, sia il primo che il secondo libro sono fra i miei preferiti in assoluto oramai *___*

      Elimina
  8. Ely recensione stupenda *-* Lo sto leggendo proprio ora!

    RispondiElimina
  9. Tiro un sospiro di sollievo nel vedere che hai dato un punteggio pieno, io purtroppo devo ancora prenderlo, lo farò la prossima settimana =( Intanto devo ancora finire carry on, sono un disastro lo so xD Non vedo l'ora di ritornare alle atmosfere di questa fantastica duologia e di scoprire cosa accadrà a Shazi e Khalid!

    RispondiElimina
  10. Ciao Ely, anch'io ho trovato questo secondo volume perfetto. L'ho adorato ed ho saputo apprezzare ancor più protagonisti. Baci ♥

    RispondiElimina
  11. non vedo l'ora di leggerlo, ho amato tantissimo il primo! E le tue parole mi fanno ben sperare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah e ti capisco per l'ansia, ero così anche io, con marito come il tuo ihihih

      Elimina