martedì 13 marzo 2018

Recensione: "Nei miei occhi il tuo cielo" di Danielle Younge-Ullman

Buongiorno a tutti carissimi heartreaders,
io ho già in mano la mia bella tazzona di caffè - latte e sono prontissima ad iniziare la giornata con una bella chiacchierate librosa. E voi? Siete pronti a parlare con me di un bellissimo young adult che mi ha davvero commossa? Sto parlando di "Nei miei occhi il tuo cielo" di  Danielle Younge-Ullman,  pubblicato ad inizio anno dalla Piemme che ringrazio di cuore per la copia cartacea.

Come vi ho anticipato, questo young adult mi ha commossa e sicuramente entrerà nella top 10 degli young adult di quest'anno ma adesso siete pronti a scoprire nel dettaglio cosa ne penso? Bene, iniziamo subito allora!


Nei miei occhi il tuo cielo
Danielle Younge-Ullman

Editore: Piemme
Prezzo: Rigido 17,00€ Ebook 6,99€
Pagine: 348
Serie: Autoconclusivo

Trama: Ingrid ha trascorso l'infanzia viaggiando in Europa al seguito della mamma, una promettente cantante lirica. Ma quando il sipario cala sulla carriera materna, Ingrid si ritrova di colpo incastrata in una modesta, soffocante quotidianità, sempre sull'orlo del collasso economico ed emotivo. Un giorno, Ingrid scopre che la musica, che aveva sempre considerato solo il contrappunto alla vita di sua madre, è vitale anche per lei. Per poter perseguire i propri sogni, Ingrid dovrà dimostrare di essere abbastanza forte da reggere la pressione e per farlo dovrà trascorrere tre settimane in un campo estivo ai limiti della sopravvivenza, fisica e mentale.. 


💖 Recensione 💖

Nei miei occhi il tuo cielo è un libro talmente intenso che entra nel cuore in modo inesorabile. 

Ad inizio lettura mi sono subito resa conto di avere tra le mani una storia non scontata, una di quelle che, ad ogni pagina, sai già che ti lascerà un'emozione speciale nel cuore, un insegnamento, un monito. Man mano che i capitoli si susseguivano sapevo per certo che, andando sempre avanti, una storia fortissima si sarebbe spiegata davanti ad i miei occhi. E così è stato. Le aspettative non sono state deluse, anzi.

La protagonista della storia è Ingrid, una ragazzina che, alle soglie della partenza per l'università dei suoi sogni, si ritrova ad affrontare una "vacanza" sui generis. Un campeggio davvero particolare la attende infatti. Spinta proprio dalla madre, Ingrid si ritroverà immersa fino al collo in un'avventura che, alla fine, le insegnerà qualcosa di importante perchè la porterà ad affrontare scenari che non avrebbe mai immaginato. Ingrid sfiderà la natura selvaggia e sfiderà se stessa. Ingrid crescerà e noi con lei perchè la sua storia ci insegnerà qualcosa, eccome se ce la insegnerà!

Ciò che rende speciale questa lettura sono i temi forti da cui è attraversata. Primo fra tutti quel mostro di lenta distruzione che è la depressione. Purtroppo non tutti prendono sul serio questa malattia e se ne parla alla leggera. "Sono depressa" è una frase che spesso, purtroppo, viene usata con estrema leggerezza infatti ma che cela dietro di sè un abisso. La depressione è una vera e propria malattia, non bisogna mai dimenticarlo. 


La madre di Ingrid purtroppo ne è stata fagocitata quando, da promettente astro nascente della lirica, un problema alle corde vocali le ha fatto perdere la sua voce da usignolo. Una carriera stroncata, una vita da ricostruire ed una forza che viene meno. E' così che la depressione inizia ad annidarsi nell'anima della madre di Ingrid. Piano piano le tenebre coprono la luce ed Ingrid resta il solo raggio di sole della madre. Ma un solo raggio di sole può sconfiggere le tenebre più fitte? Certi giorni ad Ingrid sembra di si, altre di no. 

Ingrid è comunque una quindicenne ed ha i il suo bel caratterino che la spingerà sempre più alla ricerca di se stessa ed a combattere anche quando la madre non accetterà le sue scelte per paura e per quel desiderio di proteggere la sua bambina dalla dura vita. La madre e la figlia saranno l'una per l'altra un'àncora ma, come una molla, la vita le porterà lontane per poi riavvicinarle e così molte e molte volte.
Hai ragione, piccola mia.
Non tutte le cose belle sono distrutte.
La complessità del romanzo non sta solo nel profondo tema trattato, ovvero ovvero quello della depressione, ma anche nel rapporto complicato fra la madre e la figlia che viene raccontato con grande naturalezza. Ingrid e la madre, Margot, sono due personaggi talmente ben descritti da apparirci reali. Non pensate che Ingrid sia la figlia perfetta e Margot solo una madre debole, in questi due personaggi c'è tanto e sono complicati come solo la natura umana sa essere. Faranno sbagli e scelte condivisibili ma saranno sempre se stesse.

La storia viene raccontata da Ingrid e si snoda su due diversi piani temporali. Si passa dal passato al presente e viceversa e, nel frattempo, si costruisce una storia piena che acquista sempre più spessore. La narrazione non risulta mai confusionaria, al contrario, i due piani temporali fanno si che la tela bianca davanti a noi si colori sempre di più con mille sfumature fino a far  apparire l''immagine di una vita sempre più reale.

La storia di Ingrid e della madre vi entrerà sottopelle fino al colpo di scena finale che vi toglierà il respiro. Ho letto le ultime pagine di questo libro profondamente scossa, con la pelle d'oca e fortemente convinta che quelle pagine avessero prosciugato tutta l'aria della stanza, anzi di tutta la casa. 

Nei miei occhi il tuo cielo racconta una storia forte, penetrante, densa di riflessioni, non solo sul tema centrale della depressione e del rapporto madre - figlia ma anche sui molti temi sociali che l'autrice ha disseminato nel suo racconto. Il campo darà infatti ad Ingrid la possibilità di entrare in contatto con persone che non avrebbe mai pensato di incontrare, personaggi secondari che hanno una loro importante storia da raccontare sia ad Ingrid che a noi lettori e dalla quale impareremo.
“…ho paura di quello che diventerò. Paura di fallire, paura di riuscire, paura di assomigliare troppo a mia madre, paura di non assomigliarle abbastanza. Paura delle mie motivazioni, perché…voglio superarla. Perché lo voglio? Sarò in grado di volerlo? Cosa farò…se ci riesco? Cosa farà di me?”
Stile, ritmo, trama, costruzione dei personaggi, linguaggio, tutto è perfettamente calibrato ed è tutto al top. Non ho trovato nessuna nota stonata. Nei miei occhi il tuo cielo è un romanzo che ricorderò come perfetto senza se e senza ma. 

Un romanzo insomma che non è mai banale, mai sterile, un romanzo che ha tanto da insegnare sia ad un pubblico giovanile che non. Un romanzo da regalare ma anche un romanzo da custodire. Un romanzo che è una sorpresa e che vi regalerà emozioni vere, vi farà riflettere ed arricchirà la vostra vita. Un romanzo che tutti dovrebbero leggere almeno una volta nella vita e che dovrebbe essere consigliato fra i banchi di scuola. 

Un romanzo che parla di sogni, di speranze ma anche della forza necessaria che ci vuole per realizzarli e realizzarsi. Un romanzo che parla del coraggio e della forza che servono per vivere. Si, perchè a volte i sogni non bastano. A volte persino l'amore non basta. La vita è coraggio, la vita è lotta e, per realizzare i propri sogni, bisogna sapersi rimboccare le maniche e combattere. 

E si che "i sogni son desideri" ma, nella vita vera, sei tu a dover essere la tua fata madrina. 


Spero si sia avvertito quanto questo libro mi sia penetrato nell'anima e con quanta forza io continuerò a ricordarlo e consigliarlo heartreaders perchè, si, Nei miei occhi il tuo cielo mi ha conquistata, è innegabile. E voi? Siete pronti a lasciarvi prendere alla gola da questa profondissima storia? Lo leggerete? Vi ho incuriositi? Oppure avete già letto questo libro? Se si, siete d'accordo con me?  

Ed, in ultimo, una notazione fashionista, vi piace la cover scelta dalla Piemme? Io già la adoravo prima di iniziare la lettura ma poi, dopo aver letto l'ultima pagina, sono tornata alla cover e devo dire che mi sono accorta di molti dettagli che prima mi erano sfuggiti. Fra i bellissimi colori e disegni ritroverete oggetti importanti di cui si parla nella storia e devo dire che questo particolare che mi stava sfuggendo ha reso ancora più speciale questa storia. Davvero una bellissima scelta grafica!


  



Bene, adesso è davvero tutto heartreaders, fatemi sapere, vi aspetto e non vedo l'ora di sapere che cosa ne pensate!

L'abbraccio più grande del mondo,
Ely

5 commenti:

  1. Bellissima recensione come sempre Ely

    RispondiElimina
  2. Aspettavo il tuo parere su questo romanzo, c'è l'ho in lista e sono davvero curiosa di averlo tra le mani. Bellissima recensione. Baci!

    RispondiElimina
  3. Non pensavo fosse così bello :O lo metto in lista

    RispondiElimina